Do you remember Bonn?

Per molti millennials la capitale della Germania Berlino è accattivante, moderna, cool, libertaria. Berlino significa arte, musica, liberalità ed espressione. Non è assolutamente bizzarro pensare che essi però non sappiano una cosa fondamentale: che è diventata capitale al momento dell’unificazione tedesca e che prima di essa, la capitale della Germania (in particolare della Germania Ovest) era Bonn. Andiamo dunque alla scoperta di questa cittadina di medie dimensioni, che per quasi mezzo secolo ha rappresentato la Germania Occidentale, ovvero la porzione di terra tedesca una volta occupata dagli Alleati, alla fine del secondo conflitto mondiale.

Lo sviluppo urbano e demografico di Bonn, che oggi ha all’incirca la stessa popolazione di Bari, ha seguito per decenni lo sviluppo delle sue funzioni politiche e amministrative, che aveva ereditato da Belrino nel 1949. Da lì in poi si è sviluppata come ogni altro centro amministrativo di rilevanza mondiale, chiamando a sé donne, impiegati, studenti con una predominanza del settore terziario e l’avvio di imprese commerciali a fianco alle già prospere attività industriali. La città sorge infatti in Renania-Vestfalia, una delle regioni più ricche d’Europa, sulle sponde del grande fiume Reno, insieme alla gemella e più importante Colonia.

La città è stata sede del Parlamento tedesco e del consiglio federale, oltre che del cancellierato fino all’avvenuta legge di unificazione, che ha riportato la capitale a Berlino. È un importante centro culturale, universitario e dal punto di vista urbanistico è immersa nel verde, diventando negli anni una città molto colorita e animata. Il cuore della vecchia Bonn costituisce il centro principale dell’agglomerato. Qui sorgono i palazzi, antiche e moderni, di maggior pregio artistico, come il Poppelsdorfer Schloss, un castello voluto dal principe elettore Clemente Augusto. Numerose sono le ville ottocentesche di Bad Godesberg. Tutto intorno alla città si estendono grandi parchi e boschi.

Bonn come insediamento è molto antica, divenne un avamposto romano nel delicato saliente renano, poi nel Medioevo dopo le devastazioni subite dai Normanni, divenne un importante centro religioso e commerciale. Fortificata nel secolo XIII divenne capitale dell’arcivescovado ed elettorato di Colonia. All’epoca risale la costruzione della cattedrale, pregevole esempio dell’architettura romanica della zona del Reno. Conobbe un nuovo periodo di prosperità nell’800 grazie alla locale università. Prima delle vicende belliche, subì danni per il 90% delle sue abitazioni ed edifici, Bonn era una tipica città europea con una forte vocazione culturale. Negli anni ha recuperato un’importanza economica non indifferente, essendo sede, ad esempio della Deutsche Telekom, la più importante azienda telefonica tedesca.

Bonn è la città natale di Beethoven, la cui casa è oggi sede di un museo. Accoglie pertanto numerose manifestazioni musicali ed è sede di un’orchestra municipale e di società filarmoniche e musicali private. La Beethovenhalle, moderna sala di concerti, è il centro della vita musicale cittadina. Altre istituzioni culturali sono il Teatro Nazionale, il museo di Archeologia e il Museo Koenig di zoologia. Bonn condivide con la vicina Colonia, il centro culturale più importante della Renania e quarta città tedesca per abitanti, l’aeroporto internazionale.

(Visited 198 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *