consigli per un lungo viaggio in macchina

Consigli per un viaggio lungo in macchina

Fare lunghi viaggi in macchina non è facile. Per quanto sia bello guidare, l’auto stanca e la concentrazione è molto importante. Se si tratta poi di una vacanza è naturale la tendenza a rilassarsi. Ma prima che si cominci a inveire contro questo e quest’altro, sarebbe meglio prepararsi. Tenendo conto di un fattore fondamentale e decisivo. Anche la macchina va preparata per il lungo viaggio perché il tranello è sempre dietro l’angolo. Cominciamo dunque.

Prima di partire ricordati di portarti appresso, oltre al libretto e alla patente, nonché al foglio dell’assicurazione, anche il manuale d’uso del modello. In molti lo leggono solo nei primi giorni di acquisto, pensando che poi non serva più perché si comincia a conoscere la macchina man mano che la si usa. Invece è importante perché contiene importanti informazioni circa alcuni componenti e se non siete molto pratici, potreste trovarvi in una piazzola senza sapere dove diavolo mettere le mani.

Prima di partire, aprite il cofano e controllate che vada tutto bene. È l’operazione di controllo più semplice che si può fare dal momento che potete verificare la presenza di eventuali perdite, che si nascondono sotto il cofano. Da bravi automobilisti controllate l’asfalto o il pavimento del garage per una verifica ulteriore. La batteria è a posto? Sembra tutto pulito? Controlla i livelli dell’olio del motore.

Per controllare l’olio motore è sufficiente parcheggiare la macchina su un tratto pianeggiante, spegnere il motore e attendere qualche minuto. Verificare con l’asticella che permette di misurare il livello, se è full è pieno e non dovrete preoccuparvi. Fate invece una ricarica se necessario. Verificate anche il liquido di raffreddamento, se è vuoto ve ne accorgerete subito dall’esterno.

Controllare attentamente la batteria. Se si notano delle perdite di acido, crepe o altri danni, la batteria dev’essere sostituita. Non pensate minimamente di procrastinare questa decisione, perché se dovete partire per un lungo viaggio, potreste trovarvi lontani da un elettrauto. La batteria in genere si scarica se lasciamo accesi i fari ad esempio, oppure se non accendiamo la macchina da troppo tempo. Una batteria nuova dura 5-6 anni se è trattata bene, quindi se state partendo con una batteria vecchia forse è giunto il momento di farla cambiare.

Per la buona salute del motore è bene dare un’occhiata anche al filtro dell’aria, che ha la fondamentale funzione di trattenere le impurità e mantenere integro il motore. L’impianto di alimentazione dev’essere tenuto efficiente. Controlla nel famoso manuale, perché troverai tutto.

Infine, controllate la pressione delle gomme, la presenza di una buona ruota di scorta, il funzionamento di tutti i fari e pronti a partire.

Questi letti erano i consigli vitali riguardanti lo stato dell’auto. Ma voi come pensate di organizzarvi?

Fate una partenza intelligente

Si sa che quando si tenta di fare una partenza intelligente si finisce per fare una partenza stupida. Oggi i moderni GPS, incluso Google Maps, informano sullo stato del traffico in zona. Fate un’analisi delle ore di punta ed evitatele come la peste, a costo di partire all’ora di pranzo.

Preparate un itinerario di viaggio. Non sarà preciso al secondo, perché c’è sempre qualche contrattempo, ma definite sempre un piano di contingenza. Ovvero di poter arrivare in tempo presso gli hotel prenotati o se non ne avete prenotato uno, di arrivare abbastanza prima per trovare stanza. Non andate alla cieca in zone altamente turistiche.

A bordo valutate di avere il necessario per una guida rilassata. Il condizionamento dell’aria che funziona bene, una bottiglia d’acqua e uno snack se avete necessità di rifocillarvi. Se partite in compagnia e a fianco avete una persona patentata, fatevi dare il cambio. Alla peggio prevedete sempre delle soste per sgranchirvi le gambe, stare seduti per ore fa male.

È sempre fondamentale che guidiate riposati, il colpo di sonno è una delle principali cause degli incidenti anche in percorsi assolutamente facili, soprattutto nei rettilinei, quando la tendenza a deconcentrarsi è maggiore. Se potete, evitate di partire con lo stomaco pieno e pesante. Prevedete di mangiare un boccone arrivati a una delle distinzioni intermedie. Bevete molta acqua, non troppa da dovervi costringere ad andare in bagno, ed evitate soprattutto l’alcol. Anche a basse dosi è soporifero e quindi vi crea un danno.

Se viaggiate soli al primo colpo di sonno, sbadiglio e senso di stanchezza dovete assolutamente fermarvi.

(Visited 6 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *