Come diventare una persona stabile ed equilibrata

Nella storia dell’uomo abbiamo visto spesso persone di potere dimostrare una grande instabilità emotiva. Le persone mentalmente stabili ed equilibriate si riconoscono per delle caratteristiche che sono destinate a mantenere durante le decisioni critiche. Il presidente americano John F. Kennedy, ad esempio, era una persona dotata di grande sangue freddo: durante la crisi dei missili con Cuba evitò accuratamente di innescare una escalation missilistica non reagendo all’abbattimento di un aereo spia americano nel territorio cubano. Richard Nixon, il suo successore, al contrario fu preso dal panico nello scandalo Watergate, provando a registrare alcune registrazioni che peraltro non dimostravano nulla su un suo possibile coinvolgimento, ma mettendo le basi per l’impeachment.

Una persona equilibrata e mentalmente forte non è una persona passiva. Anzi, Giulio Cesare era famoso per essere moderato, deciso, equilibrato nei giudizi, ma era in grado di prendersi dei rischi clamorosi. Il mondo è pieno di buone intenzioni che sono rimaste solo sulla carta. Una persona stabile sa che il tempo dell’azione è molto più vicino di quanto si pensi e non rimane lì sul sentiero ad attendere gli eventi.

Le persone forti non reagiscono istintivamente. Sanno controllare il loro temperamento e mantenere la concentrazione sulle cose che contano, senza preoccuparsi di averla sempre vinta. Per una persona forte la visione strategica globale di una decisione, non dipende assolutamente dall’immediato, ma dal conseguimento di un risultato. Pensate a Roma contro Cartagine. Roma ha vinto perché non si è mai preoccupata di vincere le battaglie, anche se ha perso tanti cittadini, ha attraversato autentici lutti e tragedie nazionali. Annibale invece era convinto che, battaglia dopo battaglia, Roma sarebbe rimasta isolata e avrebbe alzato bandiera bianca. Ma in tutto il tempo che Annibale vinceva, i migliori generali romani stavano pensando a come batterlo. E così quando è arrivato il momento decisivo, Scipione ha usato la stessa tattica di Annibale portando la guerra davanti a casa sua. Una sola battaglia decisiva è bastata per averla vinta su un nemico che aveva collezionato fin lì solo trionfi.

Le persone equilibrate e decise, non posticipano la felicità. Cioè si godono il processo di acquisizione dei risultati nel tempo, senza rimandare il loro equilibrio personale o finanziario a un momento successivo. Una decisione che matura nel tempo vede la persona equilibrata rimanere ferma nel convincimento e nel proposito, sapendo che con la giusta dose di passione il risultato può essere ottenuto.

Infine una persona equilibrata crea opportunità per sé e per gli altri. Acquisisce dosi di fiducia, sente il consenso intorno a sé, sa che potrebbe sempre fallire perché il fallimento fa parte della vita, ma contagia gli altri a collaborare, generando le migliori possibilità per fare in modo che un obiettivo venga raggiunto.

(Visited 192 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *