Le conseguenze dei troppi radicali liberi

Le conseguenze dei radicali liberi nel lungo termine, sul nostro organismo, sono molto conosciuti. Ma che effetti comportano a livello di energia, di stanchezza, nell’immediato? Sono responsabili per il fatto che – per esempio – nella quotidianità ci sentiamo male?

I radicali liberi in numero sufficiente non sono dannosi, combattono la distruzione cellulare e aiutano nella lotta contro le malattie, fornendo un surplus di energia. Il problema è che il nostro stile di vita contemporaneo comporta una produzione di massa, possiamo dire, dei radicali liberi. È come se insomma avessimo creato un esercito che ci sta sfuggendo di mano e che si ribella contro di noi.

Il danno da radicali liberi dipende molto dal nostro stile di vita, anche se è un processo ossidativo naturale.

Una dieta non bilanciata che privilegia cibi fritti e ricchi di grassi saturi, oppure una pericolosa tendenza a mangiare cibi troppo dolci, con bevande gassate. Un’eccessiva esposizione solare, salutare nei casi normali, grave se troppo prolungata e senza sufficienti protezioni. Ovviamente l’indulgenza in vizi dannosi per la saluta come l’eccesso di alcol e di fumo (che andrebbe completamente eliminato) e di medicinali non utili. Inoltre lo stress da lavoro e per problemi personali accentua e mette in atto un circolo vizioso che si autoalimenta. Infine va considerata molto importante la mancanza di sonno, con costante privazione di riposo salutare, che dev’essere di almeno 6-7 ore filate, in ambiente silenzioso possibilmente e dove ci sia poca illuminazione.

Quando i radicali liberi attaccano i mitocondri la produzione di energia viene compromessa alla radice. La conseguenza a livello microscopico è che le cellule non ricevono sufficiente ossigeno, senza questo i mitocondri non possono dare energia alle cellule e assicurarsi un corretto funzionamento di interi organi. I motivi per cui non riusciamo a trasportare sufficiente ossigeno verso le cellule possono essere tanti:

  • Il naso tappato e le frequenti apnee notturne causano pericolosi problemi di respirazione
  • L’obesità e l’essere in sovrappeso
  • La mancanza di esercizio fisico
  • Il fumo
  • Le allergie respiratorie come le riniti o l’asma
  • I vari tipi di anemia che incidono sulla capacità del sangue, specificamente dei globuli rossi, di trasportare l’ossigeno

Gli elementi che possono aiutare a disintossicare l’organismo dall’eccesso di radicali liberi sono ormai ben noti, si tratti di complessi vitaminici e minerali, come la Vitamina B6, la vitamina B12, il Coenzima Q10, lo Zinco e l’Acido Folico.

L’invecchiamento è dovuto alla disgregazione delle cellule, esattamente quello che avviene quando degli elementi tossici attraversano la membrana cellulare e modificano il DNA oppure attaccano il nucleo distruggendo via via ogni cellula. Capita con le scorie radioattive, con i pesticidi, con i veleni, ma anche con una dieta fuori controllo.

(Visited 45 times, 1 visits today)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *